Il Risk Management
Handwriting Risk Management Image

Il Risk Management – letteralmente Gestione del Rischio – è un PROCESSO aziendale volto alla gestione completa ed integrata dei rischi, mediante attività sistematiche quali identificazione, misurazione, valutazione, trattamento del rischio. L’UNI 11230 – Gestione del Rischio, Vocabolario lo definisce come “l’insieme di attività, metodologie e risorse coordinate per guidare e tenere sotto controllo un’organizzazione con riferimento ai rischi”.

La funzione del risk management è quella di proteggere e incrementare il valore di una azienda a vantaggio dei suoi stakeholder, sostenendone gli obiettivi attraverso la predisposizione di un quadro metodologico che consente uno svolgimento coerente e controllato di ogni futura attività, il miglioramento del processo decisionale, la pianificazione e la creazione di priorità attraverso una comprensione esauriente e strutturata dell’attività stessa. Il risk management contribuisce, inoltre, a un utilizzo e a un’allocazione più efficace del capitale e delle risorse all’interno dell’organizzazione, alla protezione del patrimonio, dell’immagine aziendale, del know how dell’organizzazione e delle persone chiave, nonché alla ottimizzazione dell’efficienza operativa.

 

Le aziende hanno la necessità di comprendere il livello complessivo di rischio insito nei loro processi e nelle loro attività. Ciò implica il riconoscere e dare priorità ai rischi più significativi, individuare le criticità, riconoscere le debolezze dei controlli, arrivando ad attuare un efficace processo di Risk Management.

Il risk management è un processo continuo, graduale e proattivo che coinvolge la corporate strategy e che deve essere integrato nella cultura dell’organizzazione attraverso una politica mirata da parte dei suoi dirigenti, i quali assegnano responsabilità specifiche e ruoli appropriati all’interno dell’azienda.

Un approccio globale al risk management consente ad una azienda di considerare il potenziale impatto delle diverse tipologie di rischio sui processi aziendali, sulle attività, sugli operatori, sui prodotti e i servizi.

Per fare questo, il Risk Manager si avvale di una metodologia codificata, il Risk Management basata su uno schema in sette fasi:

  1. Individuazione delle risorse finanziarie a disposizione dell’azienda
  2. Individuazione dei potenziali rischi che corre l’azienda nei vari settori di attività e produzione
  3. Valutazione di questi rischi in termini di gravità come entità o frequenza
  4. Controllo dei rischi al fine di prevenirli o ridurli
  5. Assunzione in proprio – in tutto o in parte – dei rischi finanziariamente sostenibili
  6. Trasferimento dei rischi a terzi o all’assicuratore
  7. Monitoraggio nel tempo dell’evoluzione dei rischi e del programma di risk management messo in atto.

Questo articolo riprende il testo originale (rivisitato) del sito ANRA, l’associazione più importante in Italia in materia di Risk Management, associando Risk Manager e Responsabili delle assicurazioni aziendali.

Il Risk Manager è una figura sempre più necessaria e ricercata. 

Ad oggi alcuni settori come il bancario, l’assicurativo e il sanitario, altamente regolamentati, sono già tenuti a prevedere al proprio interno una funzione di Risk Management, e il loro numero è in aumento. L’avvento di normative molto precise anche per ambiti totalmente diversi dai servizi, come ad esempio la normativa sull’ambiente, sulla sicurezza e il Codice del Consumo, hanno indotto molte imprese di produzione a rivolgersi a modalità di Risk management per poter prevenire danni che incidano sui profitti o sulla continuità produttiva.

Related Articles

Privacy online, l’84% dei siti italiani ignora i diritti degli utenti

Privacy online, l’84% dei siti italiani ignora i diritti degli utenti

Su trecento siti esaminati in uno studio, ben 252 non forniscono recapiti del DPO o altre informazioni per l’esercizio dei diritti degli utenti. Bernardi: “Scarsa trasparenza penalizza non solo i diritti degli interessati ma anche le stesse aziende nel mercato digitale”.

Tim Berners-Lee, all’asta il suo codice sorgente di internet

Tim Berners-Lee, all’asta il suo codice sorgente di internet

Tim Berners-Lee, all'asta il suo codice sorgete di internet con gli NFTSir Timothy John Berners-Lee è un informatico britannico, insignito del premio Turing 2016, co-inventore insieme all'informatico belga Robert Cailliau del World Wide Web come lo conosciamo oggi....

Giornata mondiale del backup – #worldbackupday

Giornata mondiale del backup – #worldbackupday

La Giornata Mondiale del Backup compie 10 anni!Nata nel 2011, ogni 31 marzo viene celebrato il "World Backup Day", pensata per sensibilizzare gli utenti sull'importanza di eseguire con una certa frequenza copie di backup dei propri dati. Perdere lo smartphone, dare un...

Speciale Rapporto CLUSIT

Speciale Rapporto CLUSIT

Anche quest'anno il CLUSIT - Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, presenta il rapporto 2021 sulla Sicurezza ICT in Italia. Partendo dall'assunto che ormai da 20 anni gli attacchi e le minacce cyber sono in aumento, il rapporto sottolinea che nel 2020,...